MEDIAZIONE FAMILIARE

image (51)

La mediazione familiare mira alla riorganizzazione delle relazioni famigliari e alla risoluzione o attenuazione dei conflitti in caso di separazione o divorzio.
Il presupposto su cui si basa è la capacità delle persone di autodeterminarsi ed assumersi la responsabilità di decidere ciò che è meglio per se stessi e per la propria famiglia, senza il bisogno di delegare tali facoltà ad un terzo come il giudice.

Durante una separazione od un divorzio, tutta la famiglia attraversa un periodo molto stressante, con i conseguenti disordini emotivi ed organizzativi, che comporta cambiamenti a tutti i livelli.

La mediazione facilita questi cambiamenti creando uno spazio neutro dove i coniugi hanno la possibilità di confrontarsi, parlarsi e giungere a degli accordi ragionevoli e soddisfacenti, dall’affidamento dei figli, alla divisione dei beni comuni, al calendario delle visite, a tutti gli altri aspetti che riguardano una separazione.La nostra associazione si avvale di mediatori famigliari e psicologi e psicoterapeuti che intervengono là dove un tentativo di ricostruzione  del legame è già stato tentato.Incoraggia i coniugi a strutturare gli accordi che rispondono meglio alle esigenze di tutti i componenti di quello che è stato il nucleo familiare.

 

In seguito interverrà l’avvocato al fine di trasfondere gli accordi nel ricorso consensuale rendendo la procedura di separazione e divorzio più veloce, più economica e meno traumatizzante specie per i minori.

Azione di accertamento giudiziale della paternità: esperibile dal genitore esercente la responsabilità genitoriale

In tema di azione per l’accertamento giudiziale della paternità l’art. 273 c.c., nel contemplare l’esperibilità di …

Omesso mantenimento dei figli: reato perseguibile sempre d’ufficio

Il delitto di omesso versamento dell’assegno periodico per il mantenimento, l’educazione e l’istruzione …

Maltrattamenti in famiglia: cosa sono e come vengono puniti

Il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi è previsto e punito dall’art. 572 del Codice Penale: “Chiunque, …